Accedi

Sinistra XXI - www.sinistra21.it

per l'Alternativa di Società

Partito Lavorista (3)

Attuare la Costituzione

Venerdì, 09 Dicembre 2016 11:05 Scritto da

Costruire una rete per l'attuazione socialista della Costituzione

L'attenzione mediatica sulla vittoria del 4 dicembre 2016 è scemata e sussiste il rischio che il risultato referendario possa essere disatteso se non si mantengono in tensione le energie di militanza e di passione civica che è stato mobilitato a difesa della Costituzione. Serve, pertanto, autorganizzare una rete per attuare la Costituzione in senso socialista che promuova una difesa attiva della Costituzione lavorista.

 

Dal sito del consigliere comunale di Cagliari del PRC-FDS Enrico Lobina, pubblichiamo la bozza del programma per un'alternativa della sinistra elaborato dall'Ufficio apposito del Partito della Rifondazione Comunista. Vi invitiamo a direa la vostra sul forum: http://joomla.sinistra21.it/component/kunena/20-programma/8-150-proposte-del-prc-per-il-programma-di-sinistra?Itemid=0#

PREMESSA
Spesso abbiamo sentito (e anche a noi è capitato spesso di) dire che una forza politica ha bisogno di qualificare il suo
profilo a partire dalla proposta di pochi punti programmatici e sulla base di poche esemplari battaglie di assoluto rilievo sociale. Non a caso, per noi di Rifondazione Comunista (e non solo per noi) è ancora vivo il ricordo della campagna sulle 35 ore, che a suo tempo caratterizzò fortemente la percezione di massa del nostro partito.
Concentrarsi dunque su tre/quattro obiettivi di portata generale, adeguatamente selezionati e calibrati in vista di una loro concreta realizzabilità: si tratta di una giusta indicazione, essenziale per consolidare una proiezione esterna.
Un’indicazione che, tuttavia, non sostituisce o contraddice l’esigenza di avere una visione d’insieme capace di caratterizzare, in tutto il complesso degli ambiti tematici, la nostra identità politica: in definitiva, l’esigenza di un Programma compiuto e articolato. Non è tanto da intendersi la riproposizione di un impianto strategico e ideale, più consono ad un documento di rilievo congressuale, quanto piuttosto un Programma di fase, contenente le prescrizioni di una forza politica che si trovasse a governare qui ed ora avendo la forza del consenso e dei voti: uno strumento in grado di assicurare una cornice più generale ai singoli momenti dell’agire politico e dell’impegno sociale, che nel contesto dato sia legato non semplicemente a ciò che in tempi politici ravvicinati si può fare, ma sia dislocato sul registro di ciò che per noi andrebbe comunque fatto.
Evidentemente, un tale compito di chiarificazione programmatica non potrebbe esser partorito da una sola testa (né da un pool di teste) e del resto non mancano fonti importanti cui attingere, che già operano per un approfondimento programmatico (dalla Fiom a Sbilanciamoci, ma non solo). In definitiva, tale compito deve realizzarsi attraverso un serrato confronto tra tutti i protagonisti impegnati oggi a sinistra in un duro scontro sociale: forze partitiche, istituzionali, sociali, culturali, associative, di movimento. Insistiamo sul metodo della costruzione democratica e partecipata. Non si tratta di un’esigenza estrinseca e indipendente dal merito; una tale istanza partecipativa
costituisce anzi per noi il primo punto di un programma all’altezza di un’alternativa di sinistra. Non a caso, concepiamo l’esito di questo nostro iniziale sforzo come una “bozza”, suscettibile di acquisire una sua veste compiuta solo a valle di un confronto con quelli che riteniamo le nostre compagne e i nostri compagni di strada. Ad essi e al loro vaglio critico la consegniamo, nella convinzione che valga ancora la tradizionale formula: prima i contenuti, poi gli schieramenti.

BOZZA A CURA DELL’UFFICIO DI PROGRAMMA DEL PRC OFFERTA ALLA DISCUSSIONE DI TUTTE E TUTTI

Ultimi articoli aggiornati

Progettare l'uguaglianza. Momenti e percorsi della democrazia sociale

Progettare l'uguaglianza. Momenti e percorsi della democrazia sociale

Sul settimanale Left uscito in edicola il 25 giugno, la bella recensione di Maurizio Brotini, della segreteria toscana della CGIL, che fa dialogare i diversi temi del libro (la genesi dell'economia mista e del governo democratico dell'economia, la priorità alla piena occupazione, il coinvolgimento di sidnacati e parti sociali nella politica congiunturale) con le questioni più scottanti della politica economica e sociale del post-pandemia e della ripresa.

Progressive Caucus

Progressive Caucus

Uno spazio di dialogo fra eurodeputati progressisti di diversi gruppi politici e e delle voci progressiste nel Parlamento europeo che si battono per la solidarietà, la democrazia, la giustizia sociale e la sostenibilità, e per cambiare l'Europa neoliberale con un nuovo progetto basato sulla solidarietà, la cooperazione e l'ecologia.

European Forum of Left, Green & Progressive Forces

European Forum of Left, Green & Progressive Forces

Uno spazio di cooperazione politica di lungo periodo fra la sinistra, i verdi e le forze progressiste europee, aperto a partiti, piattaforme, movimenti politici, sindacati, organizzazioni sociali, ONG, movimenti di cittadini e intellettuali.

Autori