Accedi

Sinistra XXI - www.sinistra21.it

per l'Alternativa di Società

Ragionare oggi intorno ai temi della democrazia, e della crisi profonda in cui a vari livelli si dibatte, necessita di una ricognizione genealogica, sul terreno delle ideologie politiche e giuridiche, dei nessi che nell’ascesa come nel declino ne hanno saldato il destino con quello dell’uguaglianza e dei diritti sociali. Nella sfida che dialetticamente la contrappone al capitalismo, la democrazia non può mai prescindere, infatti, dal “progettare l’uguaglianza”, come nel titolo dell’importante volume a cura di Mattia Gambilonghi e Alessandro Tedde, appena pubblicato da Mimesis, con prefazione di Mario Barcellona e postfazione di Michele Carducci. 

Attualmente non esiste un compendio scientifico che analizzi la crisi di impresa secondo una prospettiva labor-oriented, cioè secondo il punto di vista dei lavoratori coinvolti nella crisi.

Come Sinistra XXI, in un'ottica di ricerca-azione partecipativa e di conricerca sui luoghi di lavoro, sarebbe auspicabile affrontare la tematica, tanto sul piano teorico quanto su quello pratico. Ritengo che questo filone potrebbe consentirci un interessante intervento, non meramente solidaristico, all'interno dei luoghi di lavoro e specialmente del lavoro produttivo.

E' possibile fuoriuscire dalla crisi della sovranità in via non extra-legale?

Lo squilibrio tra libertà ed uguaglianza è una costante della storia delle costituzioni, ma negli ultimi tempi lo sbilanciamento a favore del primo termine è stato ancor più accentuato dalla fuga della componente economica dei diritti liberali dal controllo democratico del circuito politico – rappresentativo.

Oggi, l’intero sistema democratico nazionale è costretto a muoversi entro compatibilità economiche e giuridiche esterne a quel circuito e lontane dal conflitto sociale, che restringono i margini delle politiche di redistribuzione e garantiscono alla proprietà di sottrarsi dal perimetro della sovranità nazionale.

Contattaci
Contattaci per maggiori informazioni