Accedi

Sinistra XXI - www.sinistra21.it

per l'Alternativa di Società

Un partito di quadri "militanti-dirigenti"

Lunedì, 23 Settembre 2013 16:10

Un partito di quadri "militanti e dirigenti"

In Italia, ogni sfumatura del movimento dei lavoratori ha il suo partito, mentre i lavoratori come classe non ne hanno nessuno.

Una tappa della costruzione del partito del lavoro è la formazione dei suoi futuri quadri, che sono al contempo militanti e dirigenti: militanti chiamati a partecipare ai momenti e ai luoghi in cui emerge la parte più vitale della società che si autorganizza, ove contribuire a costruire il partito sociale, inteso come nuovo modalità di organizzazione politica che favorisce la politicizzazione dei movimenti e la socializzazione dei partiti; dirigenti, chiamati ad accrescere la propria conoscenza e consapevolezza al fine di giungere a un livello di elaborazione autonoma della propria linea politica che, rapportandosi con gli altri, sviluppa la linea politica comune.

Un quadro che sa parlare ma non sa ascoltare non è un buon quadro: la direzione politica è un processo che parte dalla spontaneità della classe e alla classe ritorna con un surplus di consapevolezza cosciente. Per questo motivo, il rapporto di una direzione consapevole con i movimenti spontanei dev'essere dialettico. L'azione politica reale delle classi subalterne è, pertanto, politica di massa e non deve essere la semplice avventura di gruppi che si richiamano alla massa (Gramsci, Ordine Nuovo).

Deve essere sempre possibile passare dalla spontaneità delle masse all'elemento di coscienza del Partito e dall'elemento di coscienza del Partito passare ad incontrare lo stato d'animo delle masse. Rinunciare a dare ai movimenti "spontanei" una direzione consapevole, a elevarli ad un piano superiore inserendolli nella politica, può causare conseguenze gravi. Quasi sempre ad un movimento spontaneto delle classi subalterne si accompagna un movimento reazionario della destra della classe dominante dovuto alla rinuncia dei gruppi responsabili a dare una direzione consapevole ai moti spontanei e a farli diventare un fattore politico positivo.

Ultima modifica il Domenica, 16 Agosto 2020 01:03
Letto 1672 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Contattaci
Contattaci per maggiori informazioni