Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Il Pseper come lo abbiamo conosciuto finora, pare giunto ad una crisi.

Dopo la proposta fatta nell'ultimo congresso dai socialdemocratici tedeschi di cambiare il nome del partito Europeo in Socialisti e Democratici (uniformandolo a quello del gruppo nel parlamento Ue), arriva dall'Italia una stoccata all'assetto dell'attuale Pse.

Sinistra XXI agisce in modo coordinato nei soggetti politici e sociali, al fine di portarvi le proprie istanze, anche in sede congressuale come fecero i compagni Martino e Comi in Sinistra Ecologia Libertà, con emendamenti di minoranza su politiche giovanili e rinnovo della classe dirigente per:

  • dipartimenti giovanili e non giovanile di partito classica, che agiscano in modo coordinato con il partito a tutti i livelli e favoriscano vera partecipazione ed apertura fuori e dentro il soggetto politico;

  • formazione di militanti e dirigenti tramite scuole di formazione politica e diffusione della cultura popolare;

  • impegno del partito a favorire il ricambio continuo di una classe dirigente, secondo logiche di merito e non di cooptazione personale o correntizia.

È un esempio per le compagne e i compagni impegnati nei più vari percorsi politici di come porsi dentro i soggetti politici della sinistra, facendo vivere in essi le istanze della nostra organizzazione, senza farsi risucchiare dalle logiche correntizie interne, ben sapendo della loro insufficienza e del loro necessario superamento. 

Nelle conclusioni dell'ultima direzione nazionale, Nichi Vendola ha esplicitato ciò che in via informale si dice da tempo: SEL chiederà l'adesione al PSE, il Partito del Socialismo Europeo, a cui aderisce il PSI ma non il PD.

Le reazioni - a sinistra e specie tra i vecchi compagni di strada - sono state tendenzialmente negative, come se non fosse ancora chiara la mutazione in atto da tempo in una parte della sinistra che aveva fondato Rifondazione Comunista nel 1991 (il cui inizio è per noi nell'abbandono del leninismo da parte di Bertinotti nei primi anni '2000 anziché nella scissione vendoliana del 2008).

Autori