Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

E' scaduta la concessione pubblica del Circolo Passoni e, purtroppo, Spazio Gerico ha dovuto chiudere. Aiutateci a riaprire  il nostro spazio sociale, orientato alla lotta quotidiana contro le disuguaglianze e ad iniziative culturali e sociali. Puoi sostenere la riapertura cliccando sul pulsante DONAZIONE.

Etichettato sotto:

Le odierne società complesse, in piena crisi di governo e di rappresentanza, criminalizzano il conflitto, il quale invece è centrale nelle costituzioni-programma democratico-sociali, che vivono di dinamicità e che solo dinamicamente possono essere difese, cioè tendendo al loro potenziamento nel senso del raggiungimento di un nuovo stadio sociale (e costituzionale), motivo per cui sono state poste.

Il fine attuativo della nostra Carta è una particolare forma di socialismo costituzionale definito intorno al progetto di democrazia economica consegnatoci dal combinato disposto degli artt. 1, 3, 41 e 46. Solo l’accettazione della indissolubilità originaria tra costituzione e socialismo potrà consentire di lottare per una costituzione materiale che non contraddica in toto quella formale

Per non presentarsi come il fronte della conservazione e della difesa dello status quo, la sinistra deve promuovere un’idea ricca e articolata di democrazia, opponendo una progettualità riformatrice alternativa, riconnessa alle radici del costituzionalismo democratico-sociale, che approfondisca le direttrici socialiste della Costituzione, promuovendo processi decisionali ed istituti di autogoverno popolare e dei soggetti del lavoro.

Una simile prospettiva non può ignorare gli ostacoli posti dai Trattati europei, ma proprio prendendo atto dell'inconciliabilità fra il modello sociale costituzionale e quello imposto a partire da Maastricht, è possibile chiarire la portata dello scontro rispetto alla “Europa reale” e non rifuggire da una critica da sinistra all'Unione secondo un percorso strategico che sia o di “rottura dell'Unione” o di riforma radicale dei suoi Trattati.

Sinistra XXI agisce in modo coordinato nei soggetti politici e sociali, al fine di portarvi le proprie istanze, anche in sede congressuale come fecero i compagni Martino e Comi in Sinistra Ecologia Libertà, con emendamenti di minoranza su politiche giovanili e rinnovo della classe dirigente per:

  • dipartimenti giovanili e non giovanile di partito classica, che agiscano in modo coordinato con il partito a tutti i livelli e favoriscano vera partecipazione ed apertura fuori e dentro il soggetto politico;

  • formazione di militanti e dirigenti tramite scuole di formazione politica e diffusione della cultura popolare;

  • impegno del partito a favorire il ricambio continuo di una classe dirigente, secondo logiche di merito e non di cooptazione personale o correntizia.

È un esempio per le compagne e i compagni impegnati nei più vari percorsi politici di come porsi dentro i soggetti politici della sinistra, facendo vivere in essi le istanze della nostra organizzazione, senza farsi risucchiare dalle logiche correntizie interne, ben sapendo della loro insufficienza e del loro necessario superamento. 

Le unità della sinistra

Lunedì, 18 Giugno 2012 10:37 Scritto da

Sinistra XXI è una forza di classe che punta ad organizzare la classe, promuovendo lacostituzione politica del Partito del Lavoro in opposizione al Partito del Capitale anche mediante una politica di alleanze opposta alle attuali tendenze aggregative della sinistra:

  1. del cartello dei partiti “alla sinistra del PD” senza scioglimenti;
  2. della chiusura in una prospettiva neocomunista di sola matrice marxista-leninista o togliattiana, refrattaria ad alleanze antisistemiche;
  3. della costruzione di un soggetto politico alternativo (apparentemente molto aperto) che rappresenti la radicalità dei movimenti sociali, ma votato all'opposizione minoritaria e all'autoreferenzialità;

e che, invece, persegua quattro piani diversi di unità:

1. Anticapitalista

Per ricostruire una teoria generale di transizione al socialismo, fondata sull'analisi marxista e sul pensiero gramsciano, a partire dai luoghi del conflitto capitale-lavoro (nodi associativi nei luoghi della produzione).

2. Antiliberista

Per il radicamento sociale di una iniziativa politica maggioritaria per un modello alternativo di società. Nei Forum per l'alternativa di società realizziamo la mediazione dialettica tra forze a spinta rivoluzionaria (comuniste o anticapitaliste) e forze a spinta riformista (antiliberiste) entro una coalizione che garantisca autonomia a indipendenti e civici di sinistra.

3. Programmatica del lavoro

Per riaffermare la centralità del lavoro (e del sindacato di classe) contro l'equidistanza con il Capitale all'interno di un'alternativa maggioritaria di governo, definita secondo predeterminate affinità programmatiche e obiettivi concreti di realizzazione del programma.

4. Costituzionale e democratica

Contro le destre eversive.

Quando si discute di un rinnovamento profondo della classe politica, massimamente utile, il giovanilismo, massimamente dannoso, spesso  prende il sopravvento e riduce tutto alla mera rivendicazione anagrafica.

Piuttosto che dal ricalcare logiche e vizi delle classi dirigenti contestate, il protagonismo dei giovani della sinistra passa dalla formazione teorica e dalla militanza politica e sindacale, cioè dal cambiamento del modo di farsi "classe dirigente" consapevole.

Contro il giovanilismo deresponsabilizzante, operiamo per:

  • la riappropriazione della teoria gramsciana del partito;
  • l'abbandono del correntismo in favore della costruzione di reti tra pari;
  • la sostituzione della prassi personalistica con la gestione collettiva e collegiale;
  • la costruzione di percorsi formativi che permettano il ricambio continuo di quadri e dirigenti nelle organizzazioni di classe.

Per un piano della formazione

Mercoledì, 20 Giugno 2012 11:58 Scritto da

La formazione politica-culturale, quale attività pedagogica e di ricerca, è una priorità della nostra agenda, poiché la sinistra ha un profondo ritardo sul versante della politica dei quadri. Si tratta di avviare un lavoro di lunga lena che contribuisca alla (ri)costruzione di un nuovo pensiero politico della Sinistra del XXI secolo. Essa dovrebbe essere intesa come attività di ricerca finalizzata alla ricostruzione di una nuova teoria e di una nuova prassi; come attività pedagogica nel senso di una pedagogia di massa in grado di costruire una comunità politica portatrice di una cultura alternativa diffusa, per superare il praticismo quotidiano di militanti ed amministratori.

E' necessario definire un piano formativo che sia frutto di una logica unitaria, condivisa e partecipata, sulla base di un costituendo anagrafe dei formatori, senza precluderci possibilità di collaborazione esterne. Proponiamo un percorso collettivo e condiviso strutturato su tempi lunghi, attraverso momenti di approfondimento che verteranno sulle questioni nodali del nostro tempo, individuati attraverso strumenti come i questionari che rilevino scientificamente il fabbisogno formativo. Accanto a seminari e convegni, prevediamo momenti formativi che favoriscano la socializzazione e la condivisione delle esperienze (political forums e summer schools o altri momenti di formazione residenziale). 

Pagina 2 di 3

Newsletter

Dove trovi i nostri scritti

Autori