Accedi - Registrati

*Laboratorio per il Socialismo Costituzionale Repubblicano*

Laboratorio per il socialismo costituzionale repubblicano In evidenza

Martedì, 18 Ottobre 2016 12:33 Scritto da 
Laboratorio per il Socialismo costituzionale Laboratorio per il Socialismo costituzionale

1. Manifesto (draft)

L'ineluttabilità di un programma di fase per la risoluzione dell'attuale problema di soggettivazione del movimento operaio

L'attuale sinistra italiana è caratterizzata dall'elevata frammentazione dei partiti politici e delle organizzazioni sociali, nonché dal progressivo depauperamento organizzativo: un breve sguardo ai dati degli iscritti e dei consensi elettorali non può che condurre all'affermazione dell'assenza di un soggetto (vuoi politico, vuoi sociale) che possa attribuirsi il monopolio della rappresentanza politica del referente sociale storico della sinistra.
Le soluzioni di breve periodo alla frammentazione organizzativa hanno mostrato di essere fallaci, cioè ingannevoli e incapaci a porre rimedio alla tendenza alla competizione tra gruppi politici affini, mentre è stato posto in secondo piano il lavoro finalizzato alla definizione di una proposta programmatica atta a fondare l’azione di un soggetto politico con ambizioni egemoniche.
Proprio il piano progettuale-programmatico, invece, potrebbe agevolare una unificazione politica qualitativamente alta, cioè non limitata alla fusione degli apparati burocratici, bensì fondata sulla condivisione di una cultura politica comune e di un progetto di società.
Riteniamo, pertanto, fortemente attuale la creazione di un luogo stabile di discussione ed elaborazione finalizzate a delineare, nell’attuale fase storica di transizioni istituzionali e costituzionali, un programma politico capace di riaprire un processo di trasformazione socialista (un programma di fase, né minimo né massimo, ma fondato su obiettivi intermedi connessi a “riforme di struttura”).
La proposta politica fondata su presupposti di ricerca scientificamente fondati si porrà a confronto con le esperienze storiche, di Stato e di governo, a cui il movimento operaio – tanto nel suo troncone comunista, quanto in quello socialdemocratico – ha dato vita nel corso del Novecento, affinché il programma di fase, e il progetto di società sotteso, non risultino un mero appiattimento su una delle due “correnti” (o delle loro tendenze interne).
Al contrario, appare necessario porsi lungo la direttrice di quella “terza via” e di quel “nuovo socialismo” così centrali nel pensiero di esponenti più avvertiti e lungimiranti del comunismo e del socialismo italiani, a partire dai quali si iniziarono a riconoscere i limiti storici tanto delle economie di comando del comunismo sovietico, quanto dei regimi di Welfare State delle socialdemocrazie europee.
Pensiamo, invece, ad un modello di socialismo che non si fermi alla mera redistribuzione della ricchezza, ma che sia capace di incidere e modificare la qualità stessa dello sviluppo assicurando sia un corretto rapporto tra piano e mercato che un pieno dispiegamento della democrazia politica (intesa nella sua duplice dimensione, sociale ed individuale) all’interno dei processi decisionali.


 2. La finalità del Laboratorio

La proposta è che il Laboratorio per il Socialismo costituzionale repubblicano assuma il compito generale dell'analisi, dello studio, del confronto, dell'elaborazione e dell'aggiornamento del programma di fase da sottoporre, in prima istanza, al movimento Sinistra 21 e conseguentemente all'intero movimento operaio in cui il primo si inserisce.

3. Relazione presentata da Alessandro Tedde al Consiglio direttivo transitorio di Sinistra XXI del 17 maggio 2016.

Ultima modifica il Domenica, 11 Febbraio 2018 11:51
Letto 1622 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Alessandro Tedde

(Sassari, 1988). Avvocato e giurista, presidente di Sinistra XXI, in passato ha militato in alcune formazioni politiche della sinistra, anche assumendo ruoli dirigenziali. Nel 2008 è stato uno dei fondatori dell'allora più grande sindacato studentesco d'Italia, la Rete degli Studenti Medi.

Laureato con lode all'Università di Sassari con una tesi in diritto costituzionale sul principio di sovranità popolare, ha conseguito un diploma in Studi e ricerche parlamentari all'Università di Firenze e attualmente è dottorando di ricerca in Diritto dell'Unione europea e ordinamenti nazionali presso l'Università di Ferrara.

Sito web: www.avvocatoalessandrotedde.it

Social Network

PLG_K2_UEF_SOCIAL_FACEBOOK PLG_K2_UEF_SOCIAL_LINKEDIN PLG_K2_UEF_SOCIAL_TWITTER PLG_K2_UEF_SOCIAL_YOUTUBE
Devi effettuare il login per inviare commenti

Autori

div.tagItemImageBlock {float:none;} div.tagItemView {text-align: center;}

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok