Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Pubblicato in Centro Studi

Squilibrio o equilibrio, legale o extralegale? Gli interrogativi dei giuristi nella crisi della sovranità del mondo globalizzato In evidenza

Mercoledì, 05 Ottobre 2016 19:22 Scritto da 

E' possibile fuoriuscire dalla crisi della sovranità in via non extra-legale?

Lo squilibrio tra libertà ed uguaglianza è una costante della storia delle costituzioni, ma negli ultimi tempi lo sbilanciamento a favore del primo termine è stato ancor più accentuato dalla fuga della componente economica dei diritti liberali dal controllo democratico del circuito politico – rappresentativo.

Oggi, l’intero sistema democratico nazionale è costretto a muoversi entro compatibilità economiche e giuridiche esterne a quel circuito e lontane dal conflitto sociale, che restringono i margini delle politiche di redistribuzione e garantiscono alla proprietà di sottrarsi dal perimetro della sovranità nazionale.

Informazioni aggiuntive

  • Coordinatore scientifico: Alessandro Tedde
  • Titolo della ricerca: Squilibrio o equilibrio
  • Campo principale della ricerca: Diritto pubblico
  • Sottocampo della ricerca: Diritto costituzionale
  • Descrizione sintetica in italiano: E' possibile fuoriuscire dalla crisi della sovranità in via non extra-legale? Lo squilibrio tra libertà ed uguaglianza è una costante della storia delle costituzioni, ma negli ultimi tempi lo sbilanciamento a favore del primo termine è stato ancor più accentuato dalla fuga della componente economica dei diritti liberali dal controllo democratico del circuito politico – rappresentativo. Oggi, l’intero sistema democratico nazionale è costretto a muoversi entro compatibilità economiche e giuridiche esterne a quel circuito e lontane dal conflitto sociale, che restringono i margini delle politiche di redistribuzione e garantiscono alla proprietà di sottrarsi dal perimetro della sovranità nazionale.
  • Bibliografia:

    AGAMBEN, Giorgio (2015). Stasis. La guerra civile come paradigma politico. Torino: Bollati-Boringhieri.

    AZZARITI, Gaetano (2015). “Ritornare ai fondamenti”. Costituzionalismo.it, n°1.

    ALLEGRETTI, Umberto (2010).  “Democrazia  partecipativa: un contributo alla democratizzazione della democrazia”. In Umberto Allegretti,  Democrazia partecipativa: esperienze e prospettive in Italia e in Europa. Firenze: Firenze University Press, pp. 5-45.

    BIN, Roberto (2007). “Che cos’è la Costituzione”. Quaderni costituzionali, nº 1, p. 11-52.

    CASSESE, Sabino (2013). Chi governa il mondo?, Bologna: il Mulino.

    CHIRICO, Domenico (2014). “La crisi finanziaria come ‘opportunità’ contro la democrazia”. Marx21, n°3-4, p.59-73.

    D’ALBERGO, Salvatore (2005). “Dalla democrazia sociale alla democrazia costituzionale (un percorso della ideologia giuridica)”. Costituzionalismo.it, n°3.

    FERRAJOLI, Luigi (2014). “Costituzionalismo globale.  Un mezzo per frenare l’anarchia distruttiva del capitale”. In Massimo Loche, Valentino Parlato, Una crisi mai vista. Roma: Manifestolibri, p.29-35.

    FERRARA, Giovanni Cesare (2006).  “La sovranità popolare e le sue forme”. In Silvano Labriola,  Valori e principi del regime repubblicano.  1.I. Sovranità e democrazia. Roma-Bari: Laterza, pp.251-276.

    FERRARA, Giovanni Cesare (2010).  “Costituzione e rivoluzione. Riflessioni sul Beruf del costituzionalista”. Costituzionalismo.it, n°2.

    FIGINI, Paolo (2005). “La politica economica della globalizzazione”. Sistemaeconomico, n°2-3, p.3-21.

    FIORI, Cosimo Francesco (2016). “Recensione a ‘Chi governa il mondo? di Sabino Cassese”. Pandora, n°4.

    GATTEI, Giorgio (2009). “L’imprenditore globale astratto”. In Cretella, Russo, Corpi e soggetti: figure attuali del mondo sociale. Bologna: CLUEB.

    GRECO, Michele (2004). “La crisi del modello di ‘Westfalia”  e le ipotesi di governo del nuovo ordine mondiale: dal diritto positivo delle possibilità al diritto naturale delle necessità”. In Centro Studi Teoria e critica della regolazione sociale, Sconfinamenti: Regole, reti, confini. Gargonza: TCRS, in http://www.lex.unict.it/tcrs/atti/14-16_05_04/Greco.pdf. Ora in Montanari (2013), La possibilità impazzita: esodo dalla modernità. Torino: Giappichelli.

    HART, Herbert Lionel Adolphus (1961). The concept of Law. London: Oxford University Press.

    MORRONE, Andrea (2012). “Teologia economica v. Teologia politica? Appunti su sovranità dello Stato e  ‘diritto costituzionale globale’”. Quaderni costituzionali, n°4, p.829-853.

    NICOLOSI, Nicola (2012). “Ripartiamo dagli economisti classici per fare la sinistra”. In Patta, Plusvalore d’Italia. Milano: Punto Rosso, p.5-11.

    SCHMITT, Carl (1963). Theorie des Partisanen. Zwischenbemerkung zum Begriff des Politischen, Berlin: Duncker & Humblot. Tr. It. (2005). Teoria del Partigiano. Milano: Adelphi.

Lo Stato contemporaneo: braccio politico dei mercati.

Lo Stato rimane il braccio secolare del nuovo ordine naturale, che è però incompatibile con la forma di stato prodotta dal conflitto sociale e fondata sul compromesso fra individualismo e disparità da un lato e spazio pubblico ed eguaglianza dall’altro.

La smaterializzazione della ricchezza e l’internazionalizzazione delle imprese e dei mercati finanziari hanno condotto a risultati equivalenti a quelli prodotti nel XIX secolo dalla restrizione del suffragio e dallo stato d’assedio e nel XX secolo dalla rigidità costituzionale.

La proposta dei populisti.

Anche sulla scorta delle rivendicazioni dei movimenti populisti, è stato sostenuto che la crisi della sovranità sia superabile con il completamento, se non la sostituzione, della democrazia diretta alla democrazia rappresentativa: onere dei giuristi, pertanto, sarebbe ricercare forme nuove per incrementare gli strumenti democratici.

Le soluzioni del passato: guerre civili e rivoluzioni.

In realtà appare illusorio affidare la risoluzione del problema, politico ed internazionale, della riconnessione della sovranità ai popoli ad una prospettiva meramente giuridica ovvero nazionalistica: tale atteggiamento è frutto della sottovalutazione del fatto che le crisi passate della sovranità siano state superate attraverso nuove costituzioni seguite a guerre civili e rivoluzioni.

In questa fase storica, piuttosto incombe sui giuristi l'onere di rispondere ad altri interrogativi: sull’esistenza e sull'attualità di una prospettiva non extra-legale di fuoriuscita dalla crisi della sovranità statale, nonché sul suo profilo nazionale ovvero internazionale.

Ultima modifica il Lunedì, 15 Gennaio 2018 18:54

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 1685 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Alessandro Tedde

(Sassari, 1988). Avvocato e giurista, Presidente Nazionale di Sinistra XXI e componente della Direzione Nazionale di Sinistra Italiana.
Laurea con lode in diritto costituzionale all'Università di Sassari, diploma post-laurea in Studi e ricerche parlamentari all'Università di Firenze. Ho fondato la Rete degli Studenti Medi (2008) e Sinistra XXI (2012).
Mi occupo di ricerca sui seguenti temi del diritto pubblico: sovranità, globalizzazione, socialismo costituzionale, forme di stato-governo, partiti

Sito web: www.avvocatoalessandrotedde.it

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Autori