Accedi - Registrati

Pubblicato in Blog

Amministratori locali per l'attuazione della Costituzione

Lunedì, 31 Ottobre 2016 15:17 Scritto da 

Una rete degli amministratori per l'attuazione della Costituzione

Stiamo vivendo la campagna elettorale per il no al referendum Costituzionale: una consultazione importante perchè se passasse la controriforma renziana ci  sarebbero gravi danni per la nostra democrazia. Ma importante anche per le prospettive politiche a cui può portare.

Attorno al no si sta riaggregando un campo progressista e democratico fatto dai sindacati (Cgil in primis), partiti della sinistra, associazioni (come l'Anpi e l'Arci): un fronte progressista e costituzionale che può e deve restare in campo anche dopo il quattro dicembre.

Questa è la battaglia che, al di là dei risultati del referendum, una sinistra modernamente socialista dovrebbe porsi: non possiamo limitarci alla difesa della Costituzione formale, dobbiamo lottare per l'attuazione della Costituzione, a cominciare dai suoi principi ispiratori, scritti da una maggioranza di forze popolari (poiché elette sulla base di un coinvolgimento delle masse, vuoi nelle sezioni, vuoi nelle parrocchie), metà delle quali di cultura marxista (a partire da Pci e Psi).

Non ci sarebbero oggi i rapporti di forza per una nuova costituzione "più socialista" dell'attuale, né forse le risorse politiche ed intellettuali per proporla. Vi è invece la possibilità di ricostruire un fronte costituzionale per l'attuazione diffusa della costituzione. "Attuare la costituzione": non è un puro enunciato intelletualistico, né un proclama, ma un programma politico per una sinistra popolare e socialista, capace di proporre una seria e credibile alternativa di governo.

Una alternativa che può partire anche da un lavoro all'interno delle autonomie locali, attraverso una rete di amministratori per la Costituzione che mettano in comune buone pratiche di attuazione della Carta nata dalla Resistenza.

Adoperarsi per costituire questa rete contribuire alla ricoostruzione di un programma concreto di una credibile sinistra, entrambi assenti da troppo tempo.

Ultima modifica il Sabato, 08 Agosto 2020 01:51
Letto 913 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonino Martino

(Reggio Calabria, 1987), studia giurisprudenza a Torino. A 14 anni si impegna nella Sinistra giovanile (allora l'unica organizzazione giovanile al Liceo Classico Newton di Chivasso), ma l'anno seguente aderisce ai Giovani Comunisti da indipendente. Nel 2005 fonda il coordinamento dei collettivi studenteschi Libera Lotta, diffuso in tutta Italia, che si evolve in Sinistra Nostra superando l'ambito studentesco e, nel 2008, pur mantenendo una propria elaborazione culturale, confluisce nel Movimento Radicalsocialista. Nel 2009, pertanto, diventa Responsabile Comunicazione e poi Responsabiile Movimenti della segreteria nazionale.

Convinto della necessità di una forte sinistra unita, prosegue un percorso coerente con la propria impostazione politica di comunista che si batte per l'egemonia.
Appassionato di lettura e musica (rock e metal), fin dalla sua origine ha aderito convintamente al progetto di Sinistra XXI.

Sito web: https://www.facebook.com/profile.php?id=100005179248315&fref=hovercard
Devi effettuare il login per inviare commenti

Blogger più seguiti

div.tagItemImageBlock {float:none;} div.tagItemView {text-align: center;}

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok