Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*blog.sinistra21.it*

Pubblicato in La pagina dei Blog

Gli effetti di Syriza sulla politica italiana.

Lunedì, 16 Febbraio 2015 11:32 Scritto da 
Allo stesso tempo, i popoli europei vivono la speranza di un'alternativa di società che, finalmente, è anche alternativa di governo.
Gli effetti si vedono anche in Italia: a parte l'accodarsi farsesco di chi ha provato, pure da destra come la Meloni e Salvini, a dire che concorda con Tsipras; a parte le grottesche figure di Renzi che prima incontra ed esprime il suo sotegno a Tsipras per poi fare marcia indietro, dando ragione alla Merkel, anche a Sinistra è in atto un processo concreto di solidarietà ed identificazione con il tentativo di Syriza.
E' stata lanciata l'azione di solidarietà concreta in tutta Europa del 12-13 febbraio, con presidi a cui hanno aderito dalla Sinistra PD al PRC, per finire con la manifestazione nazionale a Roma. La minoranza Pd (Cuperliani, Civatiani e Bersaniani) hanno chiesto la convocazione della direzione del Partito per mettere all'ordine del giorno la ridiscussione del piano Juncker e la condivisione delle proposte politiche di Syriza.
Certo, scontato l'estito negativo della proposta dati i rapporti di forza nel partito, si tratta però di un piccolo, ma significativo segnale di spostamento a sinistra delle stanche socialdemocrazie italiane e non solo: infatti anche la sinistra della SPD Tedesca, tramite il vicesegretario nazionale del partito, ha preso posizione contro la Merkel e chi la appoggia, a cominciare dalla maggioranza della Spd. Come pure hanno espresso appoggio l'intero Pasok ed il neonato partito di Papandreu.
Tsipras e Syriza, nel complesso, costringono le socialdemocrazie europee ad una seria autocritica e ridefinizione delle proprie posizioni. Si tratta di processi da seguire e da appoggiare, per quanto possibile, anche da noi nel nostro piccolo.
Ultima modifica il Venerdì, 27 Febbraio 2015 11:00

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 271 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Antonino Martino

(Reggio Calabria, 1987), studia giurisprudenza a Torino. A 14 anni si impegna nella Sinistra giovanile (allora l'unica organizzazione giovanile al Liceo Classico Newton di Chivasso), ma l'anno seguente aderisce ai Giovani Comunisti da indipendente. Nel 2005 fonda il coordinamento dei collettivi studenteschi Libera Lotta, diffuso in tutta Italia, che si evolve in Sinistra Nostra superando l'ambito studentesco e, nel 2008, pur mantenendo una propria elaborazione culturale, confluisce nel Movimento Radicalsocialista. Nel 2009, pertanto, diventa Responsabile Comunicazione e poi Responsabiile Movimenti della segreteria nazionale.

Convinto della necessità di una forte sinistra unita, prosegue un percorso coerente con la propria impostazione politica di comunista che si batte per l'egemonia.
Appassionato di lettura e musica (rock e metal), fin dalla sua origine ha aderito convintamente al progetto di Sinistra XXI.

Sito web: https://www.facebook.com/profile.php?id=100005179248315&fref=hovercard

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Blogger più seguiti

div.tagItemImageBlock {float:none;} div.tagItemView {text-align: center;}