Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*blog.sinistra21.it*

Pubblicato in Notizie

Fronte Progressista: basta risse e furberie tra i soliti noti.

Domenica, 16 Marzo 2014 15:02 Scritto da 


Così come è pretestuosa la levata di scudi dei segretari regionali di Rifondazione e Comunisti Italiani che, dopo aver scaricato i movimenti che avevano dato nome e contenuti alla lista "Sinistra Sarda", si son presentati divisi davanti a Pigliaru: una tattica suicida che ha avvantaggiato i nani del gruppo "Sardegna Vera". Un gruppo "trasngenico" per le posizioni politiche presenti al suo interno, ma unito e forte nel far pesare i quattro consiglieri eletti, contro i due comunisti. Il dato vero è che non è solo la giunta ad essere centrista, come lamentano gli esclusi del PRC e PDCI, ma tutta la coalizione era debole programmaticamente. Se la Rete per la Sinistra Sarda, che abbiamo con altri promosso, non avesse presentato il piano per il lavoro e la proposta del salario sociale, il lavoro non sarebbe mai entrato nelle discussioni della coalizione di centro-sinistra.
Questa tornata elettorale ha dimostrato che non si può più attendere: bisogna "far saltare il tappo" costituito da gruppi dirigenti stantii, attaccati alle proprie posizioni di potere a volte ridicole, per liberare il campo ad una nuova generazione di dirigenti, quadri e militanti della sinistra.
Cacciare Cappellacci e tutto il carrozzone di centro-destra era e rimane un obiettivo prioritari: raggiunto il risultato è però giunto il momento si smetterla di con l'ottica del meno peggio ed imporre una sinistra moderna, fatta di volti nuovi e metodi nuovi, che sappia fare bene quelle cose antiche che sono state raccontate alla nostra generazione.
Il nuovo obiettivo è costruire un fronte progressista e del lavoro, con radici ben salde in Sardegna, contro una genia di dirigenti che non vuole mollare la presa, che preferisce far affondare la nave anziché lasciare i comandi ad altri che potrebbero trarla in salvo.

*Lettera inviata a La Nuova Sardegna il 16 marzo 2014 e pubblicata dal quotidiano il 25 marzo 2014

Ultima modifica il Martedì, 25 Marzo 2014 12:14

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 792 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Alessandro Tedde

(Sassari, 1988). Avvocato e giurista, Presidente Nazionale di Sinistra XXI e componente della Direzione Nazionale di Sinistra Italiana.
Laurea con lode in diritto costituzionale all'Università di Sassari, diploma post-laurea in Studi e ricerche parlamentari all'Università di Firenze. Ho fondato la Rete degli Studenti Medi (2008) e Sinistra XXI (2012).
Mi occupo di ricerca sui seguenti temi del diritto pubblico: sovranità, globalizzazione, socialismo costituzionale, forme di stato-governo, partiti

Sito web: www.avvocatoalessandrotedde.it

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Blogger più seguiti

div.tagItemImageBlock {float:none;} div.tagItemView {text-align: center;}