Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Pubblicato in Associazione

Statuto

Giovedì, 08 Marzo 2012 09:01 Scritto da 

PREMESSA

L'Associazione Sinistra XXI fonda le sue radici nella storia della sinistra italiana, facendo suoi i valori del lavoro, della democrazia, della conoscenza, del mutualismo e della solidarietà.
L'associazione si riconosce nella Storia del movimento operaio internazionale e italiano, della lotta per la liberazione dei popoli e la pace, per la democrazia e lo sviluppo, nella Resistenza contro il nazifascismo e nella Costituzione Repubblicana, nei movimenti per i diritti sociali e civili, nelle lotte femminili, nelle lotte contro il capitalismo e la globalizzazione, nelle lotte per la democrazia e il socialismo.
Sinistra XXI nasce dall'unione e dall'incontro di diverse organizzazioni, movimenti e singoli che vogliono contribuire al rinnovamento della cultura politica della Sinistra. Esso nasce con l'intento di divenire soggetto cofondatore del futuro soggetto del lavoro e della sinistra italiana, partecipando attivamente al suo percorso costitutivo. Sinistra XXI è il soggetto che si propone di organizzare, su base volontaria, tutti i giovani della nuova formazione della Sinistra italiana, curandone la formazione e la crescita come quadri e militanti del futuro partito e di tutte le organizzazioni di massa in cui essi operino.

TITOLO I - definizione e finalità
Art. 1
E' costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l'associazione denominata "Sinistra XXI" con sede in via Cairoli 29 nel Comune di Chivasso. L'Associazione Sinistra XXI è un organizzazione multipiattaforma, che opera in concreto per la creazione di un soggetto politico che rappresenti il lavoro, operando attraverso la formazione dei suoi futuri quadri e costituendo un riferimento politico e sociale per i giovani e i cittadini che condividano le finalità indicate nel suo manifesto.
Sinistra XXI è un'associazione nazionale, autonoma e pluralista, quale rete integrata di persone, valori e luoghi di cittadinanza attiva che promuove cultura, socialità e solidarietà.
Sinistra XXI promuove, sostiene e tutela l'autorganizzazione dei cittadini in quanto pratica fondamentale di democrazia e quale risposta ai loro bisogni. E' un'associazione partecipata, in cui ogni iscritto ha il diritto-dovere di concorrere, sotto diverse forme, ai suoi processi decisionali.
L'associazione sostiene l'idea di un sistema democratico che valorizzi la partecipazione dei cittadini, l'associazionismo di promozione sociale e i movimenti sociali, l'autonomia sociale e l'autorganizzazione dei "soggetti del lavoro", intendendo con tale espressione indicare tutti coloro che in passato, nel presente e nel futuro condividano la condizione di lavoratore, nelle sue multiformi sfaccettature.
Sinistra XXI esprime la propria autonoma soggettività politica interloquendo direttamente, in forza del suo agire sociale, con tutti gli altri soggetti della società, sempre nell'ambito dell'indirizzo politico-sociale adottato.
Art. 2
Sinistra XXI riconosce pari dignità alle organizzazioni affiliate ed ai nodi territoriali, i quali partecipano alla vita associativa nelle forme e nei modi indicati dal presente statuto e dagli atti di indirizzo e di organizzazione adottati dagli organismi dirigenti dell'associazione.
Art. 3
L'associazione riconosce quali campi prioritari di iniziativa:

  • la partecipazione coordinata dei suoi aderenti alle strutture politiche, sociali, civili che organizzano la classe lavoratrice e, in generale i "soggetti del lavoro" nei luoghi di studio, di lavoro, di residenza;
  • la formazione di quadri politici, innanzitutto giovani, che esprimano le tendenze e gli interessi della suddetta classe all'interno delle organizzazioni di appartenenza, nell'intento di unificare le stesse e con esse unificare la classe;
  • la promozione del vivere sociale e collettivo di qualità, adeguato alla richiesta di libertà ed eguaglianza di cui ai propositi dell'associazione;
  • la promozione della cultura, in linea con le finalità dell'associazione, attraverso la promozione delle sue forme espressive, della creatività, degli spazi per l'espressione, la formazione, la ideazione e fruizione culturale;
  • la promozione della solidarietà e della cooperazione internazionale, in Italia e in relazione con i popoli e con le strutture internazionali analoghe;
  • la promozione di un approccio di genere nell'associazione e nella società, che miri alla sostituzione delle strutture di potere e di dominio monogenere con altre che rispettino la piena eguaglianza e promozione della differenza e della diversità;
  • la tutela dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, la lotta al precariato, alla discriminazione e ad ogni forma di sfruttamento, la promozione del diritto al lavoro, il sostegno e l'assistenza ai lavoratori e alle lavoratrici, in particolare ai giovani, alle donne, agli immigrati e ai precari;
  • la promozione della cultura della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e di vita;
  • l'affermazione della cultura della legalità e la lotta alle mafie, a tutte le criminalità organizzate e agli abusi di potere;
  • la comunicazione, l'informazione, l'editoria, l'emittenza radiotelevisiva, le attività radioamatoriali, le nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) e la comunicazione telematica;
  • la promozione di politiche finalizzate alla valorizzazione e messa a disposizione di luoghi e spazi sociali che possano favorire l'autorganizzazione dei cittadini, come parte integrante del diritto di associazione;
  • la cultura della convivenza civile, delle pari opportunità e dei diritti, delle differenze culturali, etniche, religiose, e di genere, della tutela delle diversità linguistiche nonché della libertà di orientamento sessuale e dell'antiproibizionismo;
  • lo sviluppo di forme di prevenzione e di lotta all'esclusione, al razzismo, alla xenofobia, all'intolleranza, al disagio, all'emarginazione, alla solitudine;
  • la promozione di una società aperta e multiculturale, dove diversità e interculturalità siano una risorsa. La promozione del protagonismo e dell'autorganizzazione dei migranti e delle minoranze;
  • il ripudio della guerra e l'impegno per affermare una cultura pacifista e della ricerca della soluzione non violenta dei conflitti, l'azione politica per ridurre le spese militari;
  • l'impegno a favore della realizzazione di una società eco-compatibile che faccia della difesa e della salvaguardia dell'ambiente, dell'ecosistema e della giustizia climatica l'architrave di una società e di un'economia sostenibile. La promozione delle fonti energetiche rinnovabili e il sostegno alla formazione di una coscienza ambientale.

Sinistra XXI si riconosce nel movimento europeo e internazionale dei lavoratori e nei movimenti che da essi hanno avuto origine ed opera per partecipare a tutte le loro organizzazioni, ai vari livelli. Sinistra XXI per raggiungere le proprie finalità sviluppa anche i rapporti con gli Enti Locali, a partire dai Comuni, le Province e le Regioni.
ART.4
Sinistra XXI è un soggetto indipendente e autonomo nella proposta e nella iniziativa politica. Tale autonomia si esplica, così come i diritti ed i doveri degli iscritti e la vita democratica interna, nell'ambito del presente statuto. Eventuali adesioni e patti di collaborazione con altri soggetti politici, sociali, culturali non possono comprimere i diritti dei suoi aderenti, né minare l'autonomia politica e organizzativa di Sinistra XXI.
ART.5
Sinistra XXI può sperimentare forme di adesione all'organizzazione che non comportino l'adesione individuale alle strutture a cui essa aderisca. Tale strumento è normato da apposito regolamento nazionale e non può inficiare l'attività generale dell'associazione.
ART.6
Sinistra XXI, tramite le proprie strutture nazionali, regionali, territoriali riconosce autonoma soggettività politica agli studenti medi ed universitari, ai giovani lavoratori, ai giovani disoccupati e ai giovani amministratori. L'operato di Sinistra XXI si concretizza nell'elaborazione di indirizzi comuni e nel coordinamento delle politiche dei suoi aderenti nelle soggettività politiche cui essi aderiscano. Soggettività politica che si esplica nei limiti delle norme del presente regolamento e previa delibera degli organi direttivi nazionali.

TITOLO II - la forma associativa

Art. 7
Possono aderire a Sinistra XXI tutti i cittadini italiani ovunque residenti e tutti i residenti nel territorio italiano, di qualunque cittadinanza, che si riconoscano nelle regole dello Statuto nelle sue varie articolazioni e nel suo manifesto politico; sono condizioni per l'adesione l'acquisizione del certificato di adesione e l'adozione della tessera nazionale dell'associazione quale propria tessera sociale.
Lo status di socio, una volta acquisito, ha carattere permanente e può venir meno solo nei casi espressamente indicati dal presente statuto. Non sono pertanto ammesse iscrizioni che violino tale principio, introducendo criteri di ammissione strumentalmente limitativi di diritti o a termine.
Tutti gli iscritti tra i 14 e i 35 anni che si riconoscono nei principi e nei valori enunciati nel presente statuto, all'atto dell'iscrizione assumono la qualità di "Socio ordinario"; tutti gli iscritti i quali, pur non rispettando i requisiti anagrafici di cui al punto precedente, condividano i principi e valori enunciati nel presente statuto assumono, all'atto dell'iscrizione, la qualità di "Socio sostenitore".
Art. 8
Tutti i soci hanno diritto a concorrere all'elaborazione del programma e partecipare alle attività promosse dall'associazione.
Tutti i soci sono tenuti a:

  • osservare lo statuto, i regolamenti e le delibere degli organismi dirigenti;
  • versare alle scadenze stabilite le quote sociali decise dagli organismi dirigenti;
  • rimettere la risoluzione di eventuali controversie interne al giudizio degli organismi di garanzia dell'associazione;
  • approvare i documenti politici ed economici delle diverse articolazioni dell'associazione;
  • eleggere gli organismi di direzione, di garanzia e di controllo ed essere eletti negli stessi.

La quota sociale rappresenta unicamente un versamento periodico vincolante a sostegno economico dell'associazione; non costituisce pertanto in alcun modo titolo di proprietà o di partecipazione a proventi e non è in nessun caso rivalutabile, rimborsabile o trasmissibile.
Art. 9
Salvo diritto di recesso, la decadenza di soci e associazioni aderenti avviene:

  • in caso di decesso del socio o di scioglimento dell'associazione;
  • per il mancato rinnovo della quota di adesione o del pagamento della quota associativa;
  • per rifiuto motivato del rinnovo della tessera sociale o dell'adesione da parte degli organismi dirigenti preposti a tal compito. Contro tale rifiuto è ammesso ricorso al agli organismi nazionali competenti;
  • per dichiarazione di espulsione divenuta definitiva.

ART.10
Sinistra XXI può a livello nazionale, regionale e provinciale, previa delibera delle rispettive istanze congressuali, sperimentare forme di affiliazione, patti federativi e di intesa, progetti unitari di aggregazione con gruppi, associazioni e movimenti. Gli organi di rappresentanza nazionale, regionale e provinciale deliberano sulle modalità di coinvolgimento comuni.
Il rapporti con i soggetti politici costituenti il futuro partito del lavoro e della sinistra italiana e con lo stesso partito sono disciplinati dalle norme del presente statuto e da apposito patto di collaborazione paritario da stipulare con esso.
Sinistra XXI è presente ad ogni livello di organizzazione del futuro partito, ed essa, nell'ambito della propria autonomia, contribuisce all'elaborazione e alla decisione degli indirizzi programmatici e strategici del futuro partito.

TITOLO III - il sistema istituzionale

Art. 11
Sinistra XXI promuove la valorizzazione delle esperienze territoriali all'interno dell'associazione; favorisce e valorizza tutte le soggettività e competenze che traggono origine dalle specifiche peculiarità territoriali, nel quadro di una effettiva partecipazione diffusa alla costruzione delle politiche dell'associazione e al suo governo, ed individua quale luogo ed articolazione principale, per lo svolgimento della vita associativa, il nodo territoriale, che costituisce articolazione territoriale di base dell'associazione.
Art. 12
Il sistema associativo adotta una struttura a rete, e si articola sui seguenti livelli:

  • nodi territoriali;
  • esecutivo nazionale (al cui interno possono essere individuati uno o più coordinatori);
  • coordinamento nazionale (con funzioni di gestione e controllo economico-patrimoniale);
  • comitato scientifico nazionale (con funzione di elaborazione scientifica e di sostegno alla formazione degli associati).

Art. 13
Il nodo territoriale è il principale livello del coordinamento, della sintesi e della direzione politica e organizzativa dell'associazione nel territorio; valorizza l'insediamento associativo e ne promuove lo sviluppo. Il nodo territoriale deve avere una sede operativa.
Rappresenta l'associazione nei confronti di enti locali, istituzioni, organizzazioni sociali e politiche presenti nel proprio ambito territoriale, sempre nel rispetto delle direttive e degli indirizzi forniti dal coordinamento nazionale.
Ogni nodo territoriale può essere istituito da un comitato promotore locale, su autorizzazione del coordinamento nazionale, e con un numero minimo di 10 iscritti. Fino alla celebrazione del primo congresso, le funzioni di direzione del nodo sono svolte dal comitato promotore locale, al quale sono attribuite la titolarità delle funzioni del nodo, ed in particolare la competenza ad accettare le iscrizioni al nodo territoriale. In caso di votazioni in tale organismo, rispetto alle quali è comunque necessaria la massima ricerca di sintesi, sono necessari i due terzi degli aventi diritto.
Per attivare un nuovo nodo territoriale su un medesimo comune è necessario disporre, oltre che del citato numero minimo di iscritti, anche di una sede operativa.
Ogni sede operativa deve essere messa a disposizione degli iscritti, per lo svolgimento delle attività proprie dell'associazione, e deve essere utilizzata anche per attività di autofinanziamento.
L'attività di tesseramento e l'attività di autofinanziamento di ciascun nodo deve prevedere la devoluzione di una quota delle entrate economiche al livello nazionale, che la utilizza per la gestione nazionale e per costituire il "fondo nazionale per il radicamento e per la perequazione territoriale".
Le attività promosse da ciascun nodo, di norma, si svolgono nel territorio di sua giurisdizione. La possibilità di operare in ambiti territoriali diversi è subordinata all'accordo con i nodi competenti per quei territori.
Art. 14
Gli organi di direzione nazionale, nelle loro diverse specifiche funzioni, hanno il compito di:

  • promuovere, valorizzare e rappresentare il progetto associativo, garantendo l'unità dell'associazione;
  • attuare le scelte strategiche e il governo dell'associazione nella sua dimensione nazionale, esercitando la direzione politica e organizzativa;
  • coordinare, valorizzare, tutelare l'iniziativa associativa della rete di nodi territoriali;
  • attraverso la realizzazione di specifiche iniziative e dotandosi degli adeguati strumenti operativi, promuovere strategie di sviluppo e consolidamento dell'associazione nel territorio, in questo riferendosi a un principio di sussidiarietà, d'intesa con il livello regionale;
  • favorire le relazioni orizzontali fra le strutture del territorio e il loro concorso alla realizzazione del programma generale dell'associazione, anche attraverso sedi tematiche di coordinamento e lavoro comune;
  • garantire alle strutture territoriali servizi di indirizzo, consulenza e assistenza sulle problematiche connesse all'associazionismo e ai vari campi di attività;
  • strutturare attività continuative di formazione dei dirigenti, da realizzarsi tanto a livello nazionale che delle articolazioni territoriali, allo scopo di favorire a tutti i livelli la crescita e l'aggiornamento delle competenze;
  • sostenere l'azione delle articolazioni territoriali sul piano della progettazione, degli indirizzi programmatici, dell'interlocuzione politica e istituzionale, anche a livello nazionale e internazionale.

Competenze e responsabilità nazionali possono essere delegate al territorio, in accordo con gli organismi dirigenti coinvolti, con gli eventuali supporti economici ed organizzativi. Gli organismi di direzione nazionale rappresentano l'associazione nei confronti delle istituzioni e delle organizzazioni politiche e sociali nazionali.
L'esecutivo nazionale svolge compiti sia di indirizzo politico-sociale ed organizzativo che compiti esecutivi. Prevede al suo interno una presenza plurale di soggetti provenienti da esperienze e percorsi politici e sociali diversi.
Al proprio interno può individuare uno o più coordinatori. La regola generale di gestione è la decisione collegiale. In presenza di orientamenti diversi, l'esecutivo nazionale delibera a maggioranza di 2/3.
Il coordinamento nazionale ha la competenza esclusiva in materia di gestione economica e patrimoniale (di entrata e di spesa) e di controllo in riferimento all'attività compiuta dai nodi territoriali, in particolar modo in riferimento agli obblighi di contribuzione economica gravanti su questi ultimi.
Tali organismi nazionali sono nominati in sede di congresso. Il congresso viene convocato, in via ordinaria ogni tre anni, dall'esecutivo nazionale uscente, secondo le regole di partecipazione e di funzionamento individuate dal regolamento congressuale (parimenti adottato dall'esecutivo nazionale).
Fino alla celebrazione del primo congresso, le funzioni dell'esecutivo nazionale sono svolte dal Consiglio Direttivo di cui all'Atto Costitutivo, che procede alla prima nomina dei componenti del comitato nazionale promotore e del comitato scientifico nazionale.
Il comitato scientifico non ha funzione deliberativa, ma solo propositiva ed esprime pareri non vincolanti sulla coerenza degli indirizzi politici dell'associazione con l'elaborazione scientifica e culturale da esso avanzata. Il comitato scientifico opera al suo interno attraverso il metodo del consenso. Ove si manifestino orientamenti contrastanti in seno a tale organismo, rispetto ai quali è comunque necessaria la massima ricerca di sintesi, è messa al voto ai 2/3 una raccomandazione da inviare al coordinamento nazionale, il quale ne tiene conto e provvede a deliberare nel merito.
Il comitato nazionale promotore ha validità fino al primo congresso nazionale. A seguito dello scioglimento del comitato nazionale promotore, ogni competenza ad esso attribuita dal presente statuto si intende trasferita all'esecutivo nazionale.
Art. 15
Il Congresso Nazionale si svolge di norma ogni 3 anni, nelle forme stabilite dal coordinamento nazionale e in base a criteri di proporzionalità e rappresentanza territoriale.
Esso ha il compito di:

  • discutere ed approvare il programma generale dell'associazione;
  • discutere ed approvare le proposte di modifica dello Statuto nazionale;
  • eleggere gli organismi nazionali.

Il Congresso Nazionale può anche svolgersi in forma straordinaria. Il Congresso Nazionale straordinario delibera sugli argomenti che ne hanno richiesto la convocazione.

TITOLO V - la democrazia e la partecipazione

Art. 16
I principi generali ai quali si ispira e si uniforma la vita associativa di Sinistra XXI sono: la pari dignità di diritti tra tutti i soci; il loro diritto alle garanzie democratiche; l'adozione di strumenti democratici di governo; la trasparenza delle decisioni e la loro verificabilità.
Sinistra XXI adotta il principio generale che a nessun livello soggetti collettivi o comitati abbiano in un organismo una rappresentanza corrispondente alla maggioranza assoluta del medesimo.
In armonia con i principi su esposti la convocazione degli organismi deve avvenire sulla base di modalità e tempi che consentano la più ampia partecipazione dei componenti, e che saranno più precisamente definiti nel previsto Regolamento.
Di norma le decisioni degli organismi dirigenti sono valide a maggioranza semplice dei presenti; è richiesta una maggioranza qualificata della metà più uno dei componenti effettivamente in carica nei casi di:

  • elezione degli organismi dirigenti;
  • approvazione del programma e delle norme di tesseramento;
  • adozione di provvedimenti di commissariamento;
  • approvazione delle norme di convocazione dei Congressi ordinari o straordinari.

Il voto è personale e non sono ammesse deleghe.
Le delibere degli organismi, e in ogni caso tutti gli atti di particolare rilevanza, devono essere trasmessi, o comunque resi accessibili, ai componenti l'organismo e di essi deve esser data adeguata informazione al corpo sociale. Devono inoltre essere conservati e restare a disposizione degli aventi diritto per la consultazione.
La composizione di ogni organo esecutivo e direttivo deve avvenire nel rispetto della norma antidiscriminatoria riguardante i generi, non potendo ciascuno dei generi maschile e femminile essere rappresentato per meno del 40% e per più del 60% dell'organismo oggetto di elezione. Nel comitato scienfifico la norma antidiscriminatoria è integrata anche a livello anagrafico, non potendo essere rappresentato ciascun ordine di soci (onorari e sostenitori) in misura minore del 40% e maggiore del 60%.
L'impossibilità dell'applicazione integrale della norma a causa dell'insufficienza di iscritti di uno dei generi è causa di costituzione di apposite commissioni paritetiche per l'individuazione e l'applicazione di strumenti di diffusione dell'associazione tra i componenti del genere sottorappresentato. L'operato di tali commissioni e il corretto perseguimento dei loro obiettivi sono oggetto di controllo degli organi di garanzia locali e nazionali.
Art. 17
L'elezione di organismi dirigenti ed esecutivi ad ogni livello avviene di norma a scrutinio segreto, salvo diversa decisione presa a maggioranza degli aventi diritto.
TITOLO VII - Patrimonio, risorse, amministrazione

Art. 18
Il patrimonio dell'associazione è indivisibile e destinato unicamente, stabilmente e integralmente a supportare il perseguimento delle finalità sociali.
Esso è costituito da:

  • beni mobili ed immobili di proprietà della stessa;
  • eccedenze degli esercizi annuali;
  • erogazioni liberali, donazioni, lasciti;
  • partecipazioni societarie e investimenti in strumenti finanziari diversi.

Art. 19
Le fonti di finanziamento dell'associazione sono:
le quote annuali di adesione e tesseramento dei soci e delle associazioni aderenti;
i proventi derivanti dalla gestione economica del patrimonio;
i proventi derivanti dalla gestione diretta di attività, servizi, iniziative e progetti;
i contributi pubblici e privati;
ogni altra entrata diversa non sopra specificata.
Art. 20
L'esercizio sociale si svolge dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Il conto consuntivo contiene tutte le entrate e le spese sostenute relative all'anno trascorso. Il bilancio preventivo contiene le previsioni di spesa e di entrata per l'esercizio annuale successivo. I bilanci sono predisposti dall'Esecutivo Nazionale e approvati dal Coordinamento nazionale con le maggioranze previste dal presente statuto, depositati presso la sede dell'associazione almeno 20 gg. prima dell'assemblea e possono essere consultati dai soci.
Il bilancio consultivo dev'essere approvato entro il 30 aprile dell'anno successivo alla chiusura dell'esercizio sociale.
Art. 21
L'associazione si dota di un Regolamento Amministrativo.
Ogni livello organizzativo dell'associazione risponde esclusivamente delle obbligazioni da esso direttamente contratte.
TITOLO VIII - norme finali e transitorie

Art. 23
Il "logo", la bandiera, le denominazioni "Sinistra XXI", "Sinistra 21", "S.21", "S21", "SXXXI" e il dominio internet "www.sinistra21.it" sono patrimonio dell'associazione. La rescissione volontaria o per esclusione del rapporto associativo di un soggetto aderente, determinano l'automatico ed immediato divieto al loro utilizzo in qualsiasi forma.

Art. 24
L'eventuale scioglimento dell'Associazione sarà deciso soltanto dall'assemblea con le modalità di cui all'art. 15 ed in tal caso, il patrimonio, dopo la liquidazione, sarà devoluto a finalità di utilità sociale.
Art. 25
Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto valgono le norme vigenti in materia.

Ultima modifica il Venerdì, 21 Aprile 2017 16:19

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 2505 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Autori