Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Venerdì, 08 Dicembre 2017 18:55

Transpartitismo e baricentro

in Tattica

Una compagna pone un interrogativo sul transpartitismo, un principio fondativo di Sinistra XXI: perché, in alcune fasi, nella tattica transpartitica di Sinistra XXI sembra essere privilegiata l'iniziativa nei confronti di una specifica componente della sinistra? Approfitto della circostanza per rimettere in ordine alcuni assi portanti della nostra azione.

Per rispondere ai dubbi della compagna, non cambia nulla rispetto a quanto storicamente Sinistra XXI ha sempre fatto: l'unica differenza è che in questi giorni/settimane si sta appunto combattendo la battaglia per la conquista di una casamatta (con il congresso di SI dal 17 al 19 febbraio), che non sarà risolutiva per vincere la lotta complessiva, ma il cui controllo può aprire nuovi spazi e spiragli per l'avanzamento della nostra strategia.

Entro febbraio il congresso di SI finirà e ad aprile, peraltro, si aprirà un'altra lotta: quella del congresso di Rifondazione comunista, dove le compagne e i compagni di Sinistra XXI impegnati in questa organizzazione saranno appoggiati e sostenuti, così come viceversa è successo in questi giorni con chi aderisce a SI.

In questa fase storica, la democrazia, i concetti di Stato e di sovranità, le competenze di governo sono messi in crisi dalla finanziarizzazione del capitalismo che, per noi marxisti ma anche per i fatti concreti, si riflette sulla vita politica e sulle sue istituzioni.

I poteri decisionali - in senso lato di governo - si spostano ad organismi sovranazionali (come l'Unione Europea) ma, peggio ancora per la loro natura privatistica e ademocratica, alla Bce e al Fmi oppure ad organi come i comuni, sui quali si scaricano onori, ma soprattutto oneri e responsabilità di governo della quotidianità dei cittadini.

Autori