Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Avanzerà il nazionalismo aggressivo di estrema destra, razzista e religioso?

814 milioni di elettrici ed elettori sono chiamati alle urne: il voto è cominciato il 7 aprile e si conclude in questi giorni.

Sono pochi i partiti che sono radicati in tutto il paese e le formazioni regionali si moltiplicano. Per formare una maggioranza di governo occorrono alleanze a geometria variabile.

Il Partito del congresso, erede dell'indipendenza del 1947, tornato al potere nel 2004 è fortemente discreditato. La dinastia familiare che guida questa formazione, Gandi, non ha la forza necessaria per raddrizzare la situazione.  Il regime è allo stremo, minato dalla corruzione, e la società indiana subisce i contraccolpi delle politiche neoliberiste attuate dai successivi governi.

Venerdì, 09 Maggio 2014 07:26

India: è unità dei comunisti!

India: è unità dei comunisti (maoisti)!

Lo scorso 1° maggio, Ganapathy, segretario generale del Partito Comunista dell'India (Maoista) e Ajith, segretario del Partito Comunista dell'India (M-L) Naxalbari hanno in una dichiarazione congiunta annunciato la fusione dei due partiti in un unico partito, il Partito Comunista dell'India (Maoista) - CPI (Maoist).

Autori