Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Sabato, 03 Febbraio 2018 17:25

Critica Marxista n.6/2017

Scritto da in Riviste

Sommario 6/2017

Editoriale

Aldo Tortorella, La spinta propulsiva nel tempo presente     

Osservatorio

Maurizio Landini, Per il rinnovamento del sindacato e per un nuovo soggetto politico    

Piero Di Siena, La sinistra in costruzione e i suoi dilemmi

Paolo Borioni, La Spd può vincere solo se cambia profondamente

Aldo Garzia, L’azzardo della Catalunya

Raffaele K. Salinari, Fenomeni migratori e politiche europee

Laboratorio culturale

Michele Prospero, La presa del Palazzo d’Inverno e la strategia di Lenin

Stefano Petrucciani, Il ripensamento del socialismo nel pensiero politico contemporaneo

Vittoria Franco, Etica della responsabilità come etica della con-vivenza

Chiara Giorgi, Pensare il presente, riconquistare il futuro

Mattia Gambilonghi, L’idea di comunismo in Lucio Magri (1962-1975)

Enrico Sergio Levrero, Dalla democrazia progressiva alla centralità del

mercato. Cavallaro sull’Italia contemporanea

Schede critica

Lea Durante, Politica e amori di Gramsci a Mosca

Antonino Infranca, Hannah Arendt e la libertà

Andrea Girometti, Le pratiche migranti come sfida al “pensiero di Stato”          

Etichettato sotto:

Pubblichiamo in bozza il dossier in fase di scrittura che Sinistra XXI ha messo a disposizione di Convergenza socialista in vista della valutazione di un progetto di copromozione di una rivista teorica collegata al Laboratorio per il socialismo costituzionale

https://docs.google.com/document/d/e/2PACX-1vSo7aDGk5t_NHX5HbWifRD4AGsJPXpxu-yihOd3kx9dkdPcO_XoSMy7vXtIWbwP30REJxL3eTgqgrXG/pub

Etichettato sotto:

A seguito dell'incontro del I forum di Marsiglia, la rete italiana di Transform!Europe, nella persona del suo coordinatore Roberto Morea, ha proposto una collaborazione tra il gruppo di studi e ricerche di Sinistra XXI e i gruppi di lavoro tematici di Transform!Europe (decisi nel suo ultimo meeting: 18-19/09/17).

Francesco Nurra coordinerà le risorse esistenti al fine di garantire la migliore distribuzione all'interno dei gruppi di lavoro, in modo da far coincidere le reciproche affinità di ricerca, secondo la composizione dei gruppi (ricercatori o accademici guida-riferimento) e il contenuto e le intenzioni dei progetti (metodologie, campi disciplinari, bozze di progetto già esistenti).
I gruppi di lavoro sono:
  1. Integrazione europea e strategie per la sinistra
  2. Beni comuni (e nuova soggettività politica);
  3. Trasformazioni della produzione economica (produzione industriale, squilibri europei, nuovo modello di sviluppo);
  4. Centro ed Est Europa (relazioni con i Paesi ex URSS);
  5. Mediterraneo come alternativa alla UE, con possibilità di lavoro sulla tematica delle isole (Sud come periferia d'Europa, politiche di austerity);
  6. Strategia globale e migrazioni (tra cui: relazioni con i soggetti che svolgono pratiche sociali e di accoglienza);
  7. Per un diritto europeo del lavoro, linea di ricerca seguita dal giuslavorista e ricercatore Andrea Allamprese in collaborazione con Alter summit

Gli interessati devono inviare i propri contatti completi a sinistra21[at]gmail.com, indicando il gruppo in cui vogliono essere inseriti e quale interessi di ricerca hanno in quell'ambito. Sul piano nazionale la collaborazione si sostanzierà a partire dalla costruzione di un piano comune di ricerca, che identifichi l'Italia all'interno della rete europea di Transform! (si pensava al tema autogoverno-autonomia).

Ultima modifica il Martedì, 13 Marzo 2018 10:07

Molte compagne e compagni hanno creduto che il percorso avviato con l'assemblea del Teatro Brancaccio del 18 giugno avrebbe portato alla costituzione di una lista per le elezioni politiche di marzo 2018, che avrebbe consentito di riprendere lo sforzo referendario del 4 dicembre 2016.

Per questo motivo, in buona fede hanno sostenuto il progetto fino al momento di grave difficoltà del novembre 2017, che si è rivelato esiziale anche per l'obiettivo di unire le forze di sinistra del "fronte del No" in alternativa al Partito democratico, promotore della Legge Renzi-Boschi da cui è scaturito il referendum, di una legge elettorale incostituzionale (Rosatellum bis) e di altre iniziative deprecabili: eliminazione dell’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori (L.300/1970); la riforma cd."Buona Scuola"; la legge Minniti-Orlando sull'immigrazione.

La Costituzione come programma di fase e fondamento unitario di una sinistra popolare, per l'attuazione democratico-progressiva della Carta secondo i suoi principi fondamentali, possono fornire un nuovo inizio.

Autori