Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Pubblicato in Associazione

Costruire Sinistra XXI - Cosa significa essere un'organizzazione unitaria e multipiattaforma In evidenza

Giovedì, 23 Marzo 2017 09:04 Scritto da 

A differenza dei partiti, il movimento politico Sinistra XXI attua una tattica "guerrigliera" nei confronti degli attori politici, promuovendo il coordinamento dei propri aderenti all'interno delle organizzazioni di massa a cui aderiscono e tra le organizzazioni attraverso piattaforme apposite, come storicamente fatto dai partiti operai.

I motivi della necessità di questa tattica sono ben espressi nella Lezione di guerriglia politica di Don Durito della Lacandona al Sub Comandante Marcos

“La frammentazione delle forze che gli si oppongono permette al sistema […] non solo di resistere agli attacchi ma anche di cooptare e sottomettere tale opposizione. La principale preoccupazione del sistema […] non è la radicalità delle forze che gli si oppongono ma la loro eventuale unità.

La parcellizzazione delle forze politiche contrarie al regime permette al sistema di negoziare o “contrastare” la conquista delle isole politiche che si formano nell’opposizione. Applicano una legge di guerra, l’“economia delle forze”: un nemico disperso in piccoli nuclei lo si colpisce concentrando le forze contro ogni nucleo, isolandolo dagli altri.

I nuclei di opposizione non considerano di trovarsi di fronte a un nemico bensì di fronte a vari nemici, mettendo dunque l’accento su ciò che li rende differenti (le loro proposte politiche) e non su ciò che li rende uguali (il nemico che si trovano ad affrontare: il sistema […]). Ovviamente ci stiamo riferendo all’opposizione onesta, non alle marionette.

Questa dispersione delle forze oppositrici permette al sistema di concentrare le forze per “presidiare” e vincere (o annullare) ogni “isola”.

Insomma, non stiamo proponendo una rivoluzione ortodossa, ma qualcosa di molto più difficile: una rivoluzione che renda possibile la rivoluzione …”

Appunto, non si tratta di proporre una rivoluzione con tutti i crismi della stessa (ammesso che esistano), bensì un rovesciamento che renda possibile un ulteriore rovesciamento. Questo avviene non solo sul piano della quantità dell'azione politica, ma anche della qualità della stessa, come ben scriveva Palmiro Togliatti: 

"E' pure sbagliato porre il problema dello sviluppo del partito solo come un problema di sviluppo numerico del partito stesso e di educazione dei suoi membri.

Là dove esiste un afflusso di centinaia e anche di migliaia di lavoratori verso di noi, ma di lavoratori che non sono e non possono essere dei militanti comunisti, il vero problema non è di organizzare tutta questa massa, che viene a noi, nelle file del partito e poi vedere di educarla per farne una massa di comunisti, ma è di trovare le molteplici forme di organizzazione, diverse dal partito, collaterali al partito, che ci debbono consentire di inquadrare questa massa e dirigerla tutta, serbando al partito le sue funzioni di avanguardia e direzione e attribuendo alle diverse organizzazioni di massa le funzioni che spettano loro.

Questo è il nostro problema organizzativo. Creare tra il partito e le grandi masse delle cinghie di trasmissione efficaci, rappresentate da organizzazioni illegali o semilegali molteplici*, più ampie e meno rigidamente organizzate del partito, aderenti a tutto il nostro vasto piano di lavoro di massa, di penetrazione in qualsiasi organizzazione di massa attualmente esistente, ecc." (Togliatti 1972).

La crescita di Sinistra XXI avviene nel lavoro fatto sull'avanguardia (il think tank) e nel movimento politico complessivo delle organizzazioni, in cui agiscono le piattaforme che riuniscono i singoli compagni aderenti anche a Sinistra XXI.

Piattaforme

1. Per l'autogoverno popolare nelle autonomie locali:

2. Per l'autogoverno nelle scuole, nelle università e la formazione di retigiovanili di disoccupati e precari:

  • la campagna di aggregazione generazionale "Giovani, Sinistra, Futuro";

3. Per la battaglia delle idee in ambito scientifico e accademico a supporto della costruzione del nostro modello di società alternativa:

  • il Centro Studi Sinistra XXI e il Laboratorio per il Socialismo Costituzionale Repubblicano.

4. Per una piattaforma elettorale nazionale per l'alternativa di società:

  • aree politico-programmatiche e reti informali dei compagni che militano nei partiti

5. Per la diffusione militante della cultura negli strati popolari:

  • LibriPOP* - Librerie e biblioteche popollari

6. Per il sostegno psicologico delle lotte dei lavoratori di lunga durata:

  • Gruppi A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) per i "senza-lavoro"

La militanza in Sinistra XXI è diversa dalla militanza in un altro gruppo politico, perché incoraggia i propri aderenti a stare in altre formazioni al fine di dirigerle e perciò si articola in piattaforme e reti che incrocino le grandi masse. E' nella libera scelta del singolo aderente a Sinistra XXI trovare gli spazi più proficui per la propria militanza politica ed impegnarsi in essi, coordinandosi con gli altri militanti di Sinistra XXI.

* Si era nel 1933, dunque nel pieno del regime fascista, ed il Partito comunista operava in regime di clandestinità.


Bibliografia essenziale

I. Marcos (1998), Don Durito della Lacandona, 1998

Palmiro Togliatti (1972), "Problemi della nostra organizzazione", intervento al Comitato centrale del partito, pubblicato in Stato operaio, a. VIII, n. 11-12, novembre-dicembre 1933, poi in P. Togliatti, Il partito, a cura di R. Ledda, Editori Riuniti, Roma, 1972, p. 49

C. Schmitt (2005), Teoria del Partigiano. Integrazione al concetto del politico, Adelphi, 2005

Ultima modifica il Venerdì, 01 Settembre 2017 14:24

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 616 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
Alessandro Tedde

(Sassari, 1988). Avvocato e giurista, Presidente Nazionale di Sinistra XXI e componente della Direzione Nazionale di Sinistra Italiana.
Laurea con lode in diritto costituzionale all'Università di Sassari, diploma post-laurea in Studi e ricerche parlamentari all'Università di Firenze. Ho fondato la Rete degli Studenti Medi (2008) e Sinistra XXI (2012).
Mi occupo di ricerca sui seguenti temi del diritto pubblico: sovranità, globalizzazione, socialismo costituzionale, forme di stato-governo, partiti

Sito web: www.avvocatoalessandrotedde.it

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Newsletter

Dove trovi i nostri scritti

Sul territorio

Autori