Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Pubblicato in Non categorizzato

comunisti o liberali?

Lunedì, 25 Febbraio 2013 11:14 Scritto da 

25 febbraio 2013: l’Italia è un paese di estrema sinistra!

A urne ancora aperte vi propongo questa riflessione.
Sondaggi, book maker e “naso politico spannometrico” ci raccontano che c’è 20% di italiani (forse anche di più) che votano per chi propone:

1. Reddito di cittadinanza
2. Legge sul conflitto di interessi
3. Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica
4. Acqua pubblica
5. No al nucleare e alle grandi opere
6. Energie rinnovabili e legislazione più severa ed efficace sull’inquinamento atmosferico
7. Sostegno al trasporto pubblico
8. Abolizione riforme Fornero su pensioni e lavoro
9. Abolizione riforma Gelmini
10. Contrasto digital divide
11. Abolizione legge Gasparri e nuova normativa per il pluralismo informativo

Quindi i Comunisti e la sinistra hanno il 20%
No!
E quindi qualche riflessione bisognerebbe cominciare a farla.

io vorrei evitare di mischiare capra e cavoli perché altrimenti cadiamo nell'assunto vendoliano del generico sinistrismo. Esistono dei punti politici che qualificano una forza come liberale, liberaldemocratica, socialdemocratica, socialista, e via dicendo. Se i comunisti assumono tatticamente - anche con piena consapevolezza per carità - i punti che denotano altri tipi di pensiero non significa che siano cambiate le basi del pensiero comunista. Ovvero, è legittimo che i comunisti possano sostenere tatticamente un programma di fase con accenti "liberaldemocratici" e "socialdemocratici", meno legittimo è farlo passare come un programma "comunista". Così come è inopportuno far credere all'elettore che un soggetto ed un programma non comunisti invece lo siano, giacché ai suoi occhi denota la sostanziale indifferenza con altre forze di tipo sistemico (quale non dovrebbe essere una forza comunista) e poi produce i magri risultati che sappiamo.

Ti è piaciuto l'articolo? Allora, condividilo con i tuoi amici!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Letto 560 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Alessandro Tedde

(Sassari, 1988). Avvocato e giurista, Presidente Nazionale di Sinistra XXI e componente della Direzione Nazionale di Sinistra Italiana.
Laurea con lode in diritto costituzionale all'Università di Sassari, diploma post-laurea in Studi e ricerche parlamentari all'Università di Firenze. Ho fondato la Rete degli Studenti Medi (2008) e Sinistra XXI (2012).
Mi occupo di ricerca sui seguenti temi del diritto pubblico: sovranità, globalizzazione, socialismo costituzionale, forme di stato-governo, partiti

Sito web: www.avvocatoalessandrotedde.it

Lascia un commento

I commenti lesivi della dignità altrui o che incitano a comportamenti violenti e/o illeciti saranno cancellati

Newsletter

Dove trovi i nostri scritti

Autori

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok