Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Crediamo, forse sbagliando, che la politica sia tanto "lotta per il potere" quanto "lotta per potere" determinata dai rapporti di forza esistenti. Partecipare alle elezioni comunali è battersi per una idea alternativa di società, a partire dalla propria città. Non vogliamo retrocedere rispetto alla nostra strategia sul medio-lungo termine, né vogliamo essere passivi rispetto alla situazione attuale.  Ad ogni elezione comunale elaboriamo un nostro programma che confrontiamo con quelli delle altre forze per verificarne la compatibilità e sottoponiamo ai candidati in cambio del nostro sostegno, considerando l'adesione ad un programma elettorale un atto vincolante nei confronti degli elettori.

Etichettato sotto:

I Forum per l'Alternativa di Società

Lunedì, 04 Novembre 2013 22:02 Scritto da

I forum sono luoghi specifici, nel tessuto territoriale e produttivo, in cui accogliamo la frammentata classe lavoratrice e lavoriamo per radicare socialmente una credibile e comprensibile proposta di fuoriuscita, a tappe concrete, dal capitalismo verso il socialismo, perché senza il consenso e la partecipazione popolare, nessun processo rivoluzionario potrà riuscire a trasformare il sistema capitalista in un sistema socialista.

Etichettato sotto:

E' scaduta la concessione pubblica del Circolo Passoni e, purtroppo, Spazio Gerico ha dovuto chiudere. Aiutateci a riaprire  il nostro spazio sociale, orientato alla lotta quotidiana contro le disuguaglianze e ad iniziative culturali e sociali. Puoi sostenere la riapertura cliccando sul pulsante DONAZIONE.

Etichettato sotto:

Per un bipolarismo politico che sia sociale ed economico

La frammentazione sociale dell'Italia, che si riflette sul piano politico con la presenza di un notevole numero di partiti, non è rigidamente rappresentabile in due poli (centro-sinistra e centro-destra) determinati da meccanismi elettorali forzatamente maggioritari e antidemocratici che impongono rigide alleanze pre-elettorali in modo tale da indurre ad un futuro approdo bipartitico fasullo, fondato sull'alternanza di élites piuttosto che sull'alternativa di classe.

La scelta tra due opposti non è, però, un problema se la divisione del corpo elettorale avviene a seguito di fenomeni di ricompattamento sociale (Lavoro contro Capitale) entro due blocchi politici socialmente omogenei (oppresi contro oppressori): il partito lavorista (partito della costituzione, perché gli oppressi, che sono soggetti del lavoro poiché soggetti al lavoro cioè obbligati a lavorare per vivere, sono la maggioranza del popolo sovrano, la sua classe generale) opposto al partito capitalista delle élites.

Sul n.4/2016 della rivista di scienze giuridiche "Democrazia e diritto" (diretta da Michele Prospero e collegata al Centro per la Riforma dello Stato) le tre relazioni del Seminario del Laboratorio per il Socialismo costituzionale su "Sovranità, classe, nazione" tenutosi a Roma il giorno 8 aprile 2016 presso la Fondazione Basso: Classe nazione filosofia. Tre note sulla sinistra (a partire da Ernesto Laclau) di Pasquale Serra; La nazione repubblicana tra cultura costituente e sistema dei partiti di Claudio De Fiores; Conflitto di classe e forma istituzionale repubblicana: il lavoro come forma e limite della sovranità popolare di Alessandro Tedde

Pagina 1 di 4

Sul territorio

Newsletter

Dove trovi i nostri scritti

Autori