Accedi ai servizi con il tuo nome utente e password

Accedi - Registrati

*la Sinistra del XXI secolo*

Lunedì, 18 Giugno 2012 08:37

Le unità della sinistra

Scritto da in Analisi politiche

Contro il "Partito del Capitale" è necessario costruire, mediante una politica di alleanze che si opponga alle attuali tendenze aggregative a sinistra, il "Partito del Lavoro" che tenga conto della eterogeneità della sinistra e non si risolva:

  1. nel cartello di partiti o il partitone della sinistra “a sinistra del PD” senza scioglimento delle attuali forze esistenti
  2. nella chiusura in una prospettiva neocomunista di sola matrice marxista-leninista o togliattiana, refrattaria ad alleanze antisistemiche;
  3. nella costruzione di un soggetto politico alternativo (apparentemente molto aperto) in rappresentanza della radicalità dei movimenti sociali, votato all'opposizione minoritaria e all'autoreferenzialità

Una forza di classe che organizzi la classe deve puntare all'unità

  1. anticapitalista: per ricostruire una teoria generale di transizione al socialismo, fondata sull'analisi marxista e sul pensiero gramsciano;
  2. antiliberista: come mediazione tra forze a spinta rivoluzionaria e forze a spinta riformista.  Per il radicamento sociale di una iniziativa politica maggioritaria tesa ad un modello alternativo di società, serve una coalizione di partiti e movimenti che promuova una dialettica tra forze riformiste della sinistra antiliberista e forze anticapitaliste e comuniste, garantendo autonomia agli indipendenti di sinistra e alle forze civiche di sinistra;
  3. programmatica del lavoro: per riaffermi la centralità del lavoro e del sindacato di classe contro l'idea dell’equidistanza con il capitale. Sfatiamo l'idea che la sinistra radicale sia votata alla minoritarietà e alla testimonianza e non possa ambire ad essere maggioritaria come alternativa (e non mera alternanza) di un governo determinato sulla base dell'affinità programmatica e della possibilità di realizzare il programma;
  4. costituzionale e democratica: contro le destre eversive.

Sinistra XXI è un movimento politico che promuove tanto l'adesione a se stesso, quanto l'adesione e l'operato coordinato dei compagni in organizzazioni di massa esistenti così come in nuove piattaforme costruite appositamente, in modo non dissimile da quanto storicamente fatto dai partiti operai del Novecento (come è possibile leggere nel testo che segue).

Etichettato sotto:
Mercoledì, 20 Giugno 2012 09:58

Per un piano della formazione

Scritto da in Formazione

La formazione politica-culturale, quale attività pedagogica e di ricerca, è una priorità della nostra agenda, poiché la sinistra ha un profondo ritardo sul versante della politica dei quadri. Si tratta di avviare un lavoro di lunga lena che contribuisca alla (ri)costruzione di un nuovo pensiero politico della Sinistra del XXI secolo. Essa dovrebbe essere intesa come attività di ricerca finalizzata alla ricostruzione di una nuova teoria e di una nuova prassi; come attività pedagogica nel senso di una pedagogia di massa in grado di costruire una comunità politica portatrice di una cultura alternativa diffusa, per superare il praticismo quotidiano di militanti ed amministratori.

E' necessario definire un piano formativo che sia frutto di una logica unitaria, condivisa e partecipata, sulla base di un costituendo anagrafe dei formatori, senza precluderci possibilità di collaborazione esterne. Proponiamo un percorso collettivo e condiviso strutturato su tempi lunghi, attraverso momenti di approfondimento che verteranno sulle questioni nodali del nostro tempo, individuati attraverso strumenti come i questionari che rilevino scientificamente il fabbisogno formativo. Accanto a seminari e convegni, prevediamo momenti formativi che favoriscano la socializzazione e la condivisione delle esperienze (political forums e summer schools o altri momenti di formazione residenziale). 

Martedì, 06 Dicembre 2016 18:58

Perché iscriversi a Sinistra XXI

Scritto da in Vox Populi

Sinistra XXI nasce da un collettivo di compagni under 30, che autofinanziandosi e rimanendo indipendenti, si è trasformato in movimento politico-culturale, federativo anche di realtà territoriali e civiche di sinistra, che promuove la partecipazione e la formazione politica dei quadri della sinistra, con diversi gradi di attivismo e consapevolezza politica, con il fine di costruire un partito lavorista, opposto al partito del capitale, che affermi un disegno di società basato sul socialismo costituzionale e sull'autogoverno popolare dell'economia.

 

 

Etichettato sotto:

Rinnovamento e giovanilismo sono due concetti troppo spesso confusi, ma mentre massimamente utile è il primo, massimamente dannoso è il secondo. Mentre un rinnovamento profondo della classe politica, che veda i giovani della sinistra come protagonisti consapevoli di un movimento storico, passa dalla formazione teorica e dalla militanza politica e sindacale, la mera richiesta di un rinnovamento anagrafico ricalca logiche e vizi delle classi dirigenti contestate. Contro il diffuso giovanilismo deresponsabilizzante, bisogna cambiare il modo di porsi quale "classe dirigente" mediante:

  • la riappropriazione della teoria gramsciana del partito;
  • l'abbandono del correntismo in favore della costruzione di reti tra pari;
  • la sostituzione della prassi personalistica con la gestione collettiva e collegiale;
  • la costruzione di percorsi formativi che permettano il ricambio continuo di quadri e dirigenti nelle organizzazioni di classe.

Nella società complessa, un partito rivoluzionario deve essere pienamente politico e cioè affrontare, insieme agli oppressi, tutte le grandi questioni del nostro tempo. A questo partito serve: la ricerca teorica di un progetto di socialismo e di una strategia per realizzarlo; una pratica sociale ed una organizzazione combinate ed unitarie.

Etichettato sotto:
Lunedì, 04 Novembre 2013 22:02

Costruire i Forum per l'Alternativa di Società

Scritto da in Forum Alternativa

Per vincere la lotta anticapitalista per il socialismo servono il consenso e la partecipazione popolare al processo rivoluzionario di conversione del sistema capitalista in un sistema socialista.La costruzione del partito-guida del processo rivoluzionario della trasformazione socialista e popolare deve essere fatta in modo serio, riconnettendo i componenti della classe mediante il lavoro di radicamento sociale e reinsediamento territoriale con la costruzione di luoghi specifici (forum) che accolgano la classe frammentata sul territorio, ma anche con la penetrazione nei vecchi e nuovi luoghi di produzione e con la costruzione di una credibile proposta di fuoriuscita, a tappe concrete e comprensibili ai più, dal capitalismo verso il socialismo.

Etichettato sotto:

Con l’approssimarsi dei mesi di aprile e maggio torna d’attualità anche quest’anno, come negli ultimi, la questione delle aperture (o meglio chiusure) delle attività commerciali.

Lanciamo una proposta al Parlamento perché elabori una legge in tal senso, sottoscrivi la petizione al link: https://www.change.org/p/deputati-e-senatori-della-repubblica-italiana-per-la-regolamentazione-delle-aperture-festive-nel-commercio?recruiter=53622580&utm_source=share_for_starters&utm_medium=copyLink

Etichettato sotto:

Da qualche settimana, alcuni compagni piemontesi discutono dell'opportunità di attivare un nodo ed un forum di fabbrica all'interno della rete di Sinistra XXI.

In attesa che maturino la loro decisione nella più completa autonomia, riprendo i fili del ragionamento sull'importanza dell'inchiesta operaia come metodo del lavoro politico nell'azienda (in coerenza con uno degli slogan di Sinistra XXI: "una sinistra moderna che riprenda a fare, di più e meglio, le cose antiche"). Tale tipo di intervento, inventato direttamente da Marx  si fonda sulla conoscenza preventiva dei lavoratori e della fabbrica e, nella storia del movimento operaio, ha avuto alterne fortune (Rifondazione venne addirittura definita, in un periodo storico, il "partito dell'inchiesta" da parte dell'allora segretario Fausto Bertinotti, ma si trattò più che altro di un felice slogan).

I seguenti appunti beneficiano della rilettura del libro di M. Gaddi, "Lotte operaie nella crisi. Materiali di analisi e di inchiesta sociale", Punto Rosso, Milano, 2010 (è possibile averne una copia cliccando sul tasto "AGGIUNGI AL CARRELLO" a fine articolo, con un piccolo sconto per gli iscritti a Sinistra XXI).

Etichettato sotto:
Pagina 1 di 3

Autori